Apricena: Torrente Vallone, Zuccarino scrive al prefetto per sollecitare l’Enel ad effettuare i lavori che bloccano il completamento dell’opera

L’Enel blocca i lavori del canale scolmatore del torrente ‘Vallone’ e il sindaco, Vito Zuccarino, scrive al prefetto per chiedere la convocazione di un incontro e il suo “autorevole intervento”, affinché si ponga fine a “una situazione non più tollerabile” che mette a rischio anche “il rispetto dei termini assegnati” al Comune “per l’erogazione dei fondi” assegnati da Regione Puglia e Protezione Civile.

Il corso d’acqua che attraversa il centro garganico è in secca per la maggior parte dell’anno, ma le esondazioni provocate dalle forti piogge si sono sempre rivelate particolarmente pericolose per la sicurezza dei cittadini e dannose per l’abitato. Com’è accaduto nel 2002, quando la gravità degli effetti ha determinato l’intervento di Regione e Stato su sollecitazione dell’Amministrazione comunale dell’epoca.

Il costo dell’opera – di “primaria importanza per la salvaguardia del nostro centro urbano dal rischio di allagamenti” – ammonta a circa 10 milioni di euro.
A bloccarne il completamento è la mancata attuazione dello “spostamento delle linee elettriche di media e bassa tensione interferenti con i lavori di costruzione del canale”.

“E’ stato ampiamente spiegato all’ENEL l’indifferibilità dell’esecuzione” dell’appalto, prosegue la lettera del sindaco di Apricena; ma, “nonostante l’aver corrisposto all’ENEL la somma di 32.821,00 euro in data 09 giugno 2011, ad oggi i lavori sono praticamente fermi” e non si hanno “notizie circa la loro ultimazione”.

“Questo comportamento, assolutamente incomprensibile ed irresponsabile, espone a rischio l’intera comunità apricenese e mette in seria difficoltà questo Comune”. E ciò spiega la richiesta al prefetto di convocare un incontro per “ottenere impegni certi ed inderogabili verso un’attività di importanza strategica ed assolutamente non trascurabile per la mia comunità”.

“Tutti noi abbiamo ancora negli occhi le immagini delle tragedie in Liguria, Toscana, Campania e Puglia e dei disastri provocati dalle piogge a Zapponeta come ad Altamura – commenta Vito Zuccarino – È impensabile che si possano correre rischi simili per la mancata attuazione di lavori banali; né si possono scaricare sull’Amministrazione comunale e la comunità apricenese i nefasti effetti sociali e finanziari derivanti dall’inerzia di una società troppo concentrata sui profitti e poco accorta alle necessità del territorio”.

Stampa questo articolo Invia articolo
14 novembre 2011
di

Se vuoi scrivere alla redazione, manda il tuo comunicato o la tua segnalazione a: redazione@daunia.info

Tag: , , , , , , , ,

Non si possono inserire commenti.

Editoriale

Steganografia: questa sconosciuta

Tecnica usata fin dall’Antica Grecia ma teorizzata solo nel XVI sec. dal monaco benedettino Johannes von Heidenberg (Abate a Sponheim), detto Tritheim, in italiano...Leggi»

Eventi

 settembre 2017
MTWTFSS
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
novembre: 2011
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  
QR Code Business Card