Tremiti: Proposta di VARIANTE DEL P.R.G PER INDIVIDUAZIONE ZONE “E” A TUTELA DELLE ATTIVITÀ AGRO-SILVO-PASTORALI

Venerdì prossimo il Consiglio comunale delle Isole Tremiti discuterà un’importante proposta di deliberazione volta a salvaguardare le aree agricole e più in generale il patrimonio naturalistico dell’arcipelago diomedeo.

L’iniziativa, presa dai consiglieri Michele De Nittis, Antonio De Nittis, Antonio Greco e Mario Michele Armando Cafiero, vuole correggere le attuali norme inserite nella variante al Piano regolatore generale in corso di approvazione che – probabilmente unico caso in Italia – ha di fatto abolito le zone agricole su tutto il territorio comunale.

Sulle Isole Tremiti sono stati riconosciuti caratteri naturalistici, ambientali e paesaggistici di pregio, motivo per cui sono rientrate nei territori di tutela del Parco Nazionale del Gargano al fine di conservane la valenza nel tempo. Negli ultimi anni, però, si è assistito a un progressivo peggioramento delle loro peculiarità ambientali, causato essenzialmente dalla parziale perdita delle attività agricole e della cura dei territori agricoli e da uno sviluppo delle attività economiche avulso dai principi di sostenibilità.

L’apice di questo processo involutivo si è avuto con la redazione della variante al PRG di adeguamento al Piano Urbanistico Territoriale Tematico per il Paesaggio, che, nell’attuale versione, non prevede la presenza delle zone territoriali omogenee “E”, a destinazione agricola, di cui al Decreto Ministero dei lavori pubblici 2/4/1968 n. 1444, e favorisce un’ulteriore cementificazione delle aree libere a scapito degli orti, vigneti e frutteti che da generazioni vengono coltivati dai residenti.

Queste storture erano state già ampiamente evidenziate e sanzionate dall’Ente Parco che aveva espresso un proprio parere vincolante, riducendo sensibilmente le nuove aree di edificazione.

<<Lo scorso inverno – ha dichiarato il consigliere Michele De Nittis – centinaia di cittadini residenti e abituali frequentatori delle isole avevano sottoscritto una petizione affinché la variante al PRG potesse generare un nuovo processo per ridurre le problematiche ambientali e migliorare la qualità della vita attraverso una efficace regolamentazione sull’uso del territorio protetto. Ad oggi, però, nessun passo è stato intrapreso in tal senso da questa Amministrazione che, invece di schierarsi al fianco dei tremitesi, sostiene, anche nelle sedi giudiziarie e peraltro con scarsi risultati, le tesi di chi è interessato ad aggiungere nuove costruzioni, piuttosto che a migliorare e riqualificare le isole.>>

<<Sarebbe invece opportuno – dichiara ancora De Nittis – risparmiare i soldi per costose parcelle di illustri avvocati ed intraprendere con decisione l’unica strada di sviluppo duraturo per le nostre isole: quella della valorizzazione nel rigoroso rispetto delle valenze ambientali, naturalistiche e paesaggistiche che ancora oggi destano meraviglia ed ammirazione tra i visitatori.>>

I consiglieri De Nittis Michele, De Nittis Antonio, Greco Antonio Federico, Cafiero Mario Michele Armando, firmatari della mozione, auspicano che l’intero consiglio comunale si riconosca nei principi indicati nella proposta di deliberazione, segnando finalmente un nuovo corso per il futuro delle Isole Tremiti.

Stampa questo articolo Invia articolo
16 dicembre 2010
di

Se vuoi scrivere alla redazione, manda il tuo comunicato o la tua segnalazione a: redazione@daunia.info

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Non si possono inserire commenti.

Editoriale

Steganografia: questa sconosciuta

Tecnica usata fin dall’Antica Grecia ma teorizzata solo nel XVI sec. dal monaco benedettino Johannes von Heidenberg (Abate a Sponheim), detto Tritheim, in italiano...Leggi»

Eventi

 dicembre 2018
MTWTFSS
262728293012
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31123456
dicembre: 2010
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
QR Code Business Card