SMANTELLATA LA RETE DEI FIANCHEGGIATORI DEL CLAN LI BERGOLIS: FAVORIRONO LA LATITANZA DEL BOSS DELLA MAFIA DEL GARGANO

Quattordici ordini di custodia cautelare – emessi dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia del capoluogo pugliese – sono stati eseguiti questa mattina dai Carabinieri del Comando Provinciale di Foggia e dai militari del Ros.

NOVE ORDINANZE IN CARCERE:

EMILIANO FRANCAVILLA, 31 anni, di Foggia, a capo dell’omonimo clan (“Francavilla”), legato ai li Bergolis; MARIO CLEMENTE, 30, di Foggia; ALESSANDRO LANZA, 32, di Foggia; MARIO LANZA, 29, di Foggia, fratello di Alessandro; ENZO MIUCCI, 27, di Monte Sant’Angelo, sorvegliato speciale; ANGELO GIOACCHINO GRILLI, 32, originario di Manfredonia, rinchiuso nel carcere di Bologna – accusati di aver favorito la latitanza del boss Franco li Bergolis, con l’aggravante di aver agito per agevolare l’associazione mafiosa di appartenenza, denominata originariamente “clan dei Montanari”, riconducibile alla famiglia li Bergolis di Monte Sant’Angelo (art.7 legge 203 del 1991)  – EMILIO FRANCO, 55, originario del Salernitano, residente a Milano; GIULIO GUERRA, 21, originario di Monte Sant’Angelo, residente nel Milanese – accusati di detenzione, porto e commercio di arma illegale -; DONATO BISCEGLIA, 25, di Monte Sant’Angelo, accusato di tentata estorsione, con l’aggravante dell’art. 7  L. 203/91.

 

TRE  ORDINANZE AI DOMICILIARI:

UMBERTO BUCCINO, 21 anni, di Manfredonia; GRAZIO PALUMBO, 36, di Manfredonia; ANTONIO LAURIOLA, 46, di Manfredonia – accusati di aver favorito la latitanza del boss Franco li Bergolis.

 

DUE  OBBLIGHI DI DIMORA:

GIUSEPPE D’AMBROSIO, 27 anni, di Manfredonia; VINCENZO D’AMBROSIO, 53, di Manfredonia – accusati di aver favorito la latitanza del boss Franco li Bergolis.

 

Potrebbe non essere mai stato solo nei  566 giorni di latitanza. Il boss della Mafia del Gargano, FRANCO LI BERGOLIS  – che sta scontando nel carcere di L’Aquila una condanna all’ergastolo per associazione mafiosa e omicidio, considerato all’epoca uno dei più pericolosi latitanti d’Italia, e catturato il 26 settembre dello scorso anno, a Monte Sant’Angelo (suo quartier generale) – potrebbe essere stato sempre in compagnia di suoi fedelissimi, non solo del suo clan.

L’operazione antimafia di oggi, infatti, dimostra che il boss del Gargano aveva stretto un solido legame con esponenti del clan Sinesi-Francavilla, storicamente riconosciuto come una delle batterie più pericolose della mafia foggiana che lo hanno assistito durante tutto il periodo della sua fuga. Questa la vera novità investigativa che apre nuovi scenari sulla mappa della criminalità organizzata della Provincia di Foggia, e che dimostra come il li Bergolis abbia cercato negli ultimi anni nuovi alleati.

Il sodalizio fra le due organizzazioni mafiose si rafforzerà al punto tale che il li Bergolis si troverà  a partecipare anche a feste “private” del clan foggiano: nel giugno di due anni fa insieme alla sua famiglia il boss di Monte Sant’Angelo è presente alla prima comunione della figlia di Mario Clemente, pregiudicato foggiano legato ai Francavilla. Quest’ultimo metterà a disposizione le sue dimore per permettere al boss di non essere rintracciato durante la sua latitanza. Nel corso di questa (iniziata il 7 marzo del 2009), poi  sia il gruppo di Foggia (guidato da Francavilla) sia il gruppo di Manfredonia-Monte Sant’Angelo (legati direttamente ai li Bergolis) si sono presi letteralmente cura del boss: lo hanno praticamente accudito in tutte le sue necessità, sia di carattere pratico, sia di carattere sentimentale. Tutti gli arrestati si sono messi a disposizione del li Bergolis in modo non solo da facilitargli la latitanza fornendogli sicuri rifugi (fra Monte Sant’Angelo, Manfredonia, Zapponeta e Foggia), somme di denaro, armi, generi alimentari e di conforto, vestiti griffati, ma soprattutto garantendo al boss la possibilità di essere continuamente in contatto con la propria famiglia. Il ricercato telefonava di contino a sua moglie e alla sua bambina utilizzando schede telefoniche “usa e getta”, alcune delle quali intestate anche a ignari utenti. Compito dei fiancheggiatori era anche quello di agevolare gli incontri della coppia. Va ricordato, a tal proposito, che la notte dell’arresto l’uomo si trovava proprio a letto con la propria consorte, nel centro di Monte San’Angelo, in una casa messagli a disposizione da uno degli arrestati. Identica  disponibilità veniva offerta da un barbiere di Manfredonia: il suo salone era diventato una sorta di “deposito” temporaneo di pacchi che dovevano essere consegnati o ritirati dal boss, pacchi che contenevano biancheria sporca o  pulita riconsegnata dalla moglie, ai viveri, ma forse anche altro.

Alla propria famiglia il boss forniva non solo il sostentamento quotidiano, ma anche le somme che servivano per pagare gli avvocati. Alla moglie e alla bambina, poi, era solito inviare anche regali (un anello con diamante alla donna in occasione del suo compleanno, dei giocattoli alla piccola). I fiancheggiatori avevano, appunto, anche il ruolo di intermediari fra il loro capo e le due donne di li Bergolis. A loro toccava accompagnare la consorte del proprio capo dall’avvocato, con studio a Trani. A uno, invece, in modo particolare – secondo gli inquirenti dell’Antimafia di Bari e secondo i riscontri dei Carabinieri – toccava il ruolo di “braccio destro”: Enzo Miucci, detto Renzino, figlio di Antonio ucciso il 14 agosto del 1993, nell’ambito dello scontro tra i li bergolis e i Primosa-Basta-Alfieri. Riscontri basati sulle numerose intercettazioni oltre che sui più classici pedinamenti danno all’Autorità giudiziaria la certezza che il Miucci è stato molto spesso in compagnia di li Bergolis durante la latitanza. Così come è dimostrabile che a far compagnia al boss siano stati esponenti del clan Francavilla.

Insomma, un boss che, nei lunghi mesi di latitanza,  è stato a “casa”, nel senso del proprio territorio,  ma che si è  sentito anche molto a casa non solo per l’attività instancabile di favoreggiamento dei suoi fiancheggiatori, ma soprattutto per il clima di omertà generalizzata che ha caratterizzato il territorio del Gargano in quel periodo. L’arresto di li Bergolis, nove mesi fa, e quello dei suoi complici oggi è la dimostrazione concreta che quella cortina di “silenzio e cecità” che circondava la mafia garganica e foggiana si  sta pian piano sgretolando.

Stampa questo articolo Invia articolo
22 giugno 2011
di

Se vuoi scrivere alla redazione, manda il tuo comunicato o la tua segnalazione a: redazione@daunia.info

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Non si possono inserire commenti.

Editoriale

Steganografia: questa sconosciuta

Tecnica usata fin dall’Antica Grecia ma teorizzata solo nel XVI sec. dal monaco benedettino Johannes von Heidenberg (Abate a Sponheim), detto Tritheim, in italiano...Leggi»

Eventi

 luglio 2018
MTWTFSS
2526272829301
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
giugno: 2011
L M M G V S D
« Apr   Lug »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  
QR Code Business Card