Foggia: Cicloamici – La guerra sulle strade miete altre vittime

Ancora un grave incidente a funestare una giornata festiva che alcuni ciclisti amatoriali avevano scelto per la loro consueta escursione.
Il genocidio continuo di pedoni e ciclisti miete altre sette vittime.
Come il set di un film dell’orrore gli otto lenzuoli bianchi ricoprono la statale 18 nelle vicinanze di S. Eufemia di Lamezia Terme.
E’ inutile fare un elenco di tutti i morti sulle strade italiane causate dagli automobilisti, come è inutile appellarsi a chi è preposto a ridisegnare le regole di Sicurezza stradale che possano prevenire incidenti di questa gravità.
L’Italia è ancora all’anno zero in tema di tutela della sicurezza dell’utenza debole.
Finchè l’automobile sarà al centro dell’attenzione di cittadini ottusi e governanti insipienti dovremo purtoppo fare i conti con questi episodi. Gli stessi vanificano il lavoro di tante associazioni che, nel quotidiano, lottano proprio per la sicurezza delle strade scontrandosi sempre con amministrazioni sorde preoccupate solo di non limitare lo spazio alle automobili per mantenere voti spesso macchiati di sangue.
Ci uniamo al dolore delle famiglie e auspichiamo che episodi come questi facciano riflettere chi di dovere.

Comunicato FIAB
La guerra sulle strade miete altre vittime

Un automobilista, lanciato a tutta velocità durante un sorpasso su una strada statale in Calabria, investe frontalmente un gruppo di persone uscite in bici per una passeggiata. E’ un massacro: sette ciclisti morti sul colpo, altri tre ricoverati in gravi condizioni.

Se, al di là dei risvolti tecnici della definizione, il concetto di “incidente” lascia intendere un certo grado di fatalità e ineluttabilità, occorre ribadire che questo non costituisce una descrizione appropriata di molti degli eventi lesivi che si verificano sulle strade italiane, che sono – giova ricordarlo – fra le meno sicure e le meno controllate d’Europa.

Comportamenti come quelli che hanno dato luogo alla tragedia avvenuta oggi denotano un atteggiamento criminale da parte di chi, armato del veicolo di cui è conducente, si dimostra spregiudicato e indifferente al rispetto di ogni regola sulla strada. A qualsiasi costo. E spesso facendola franca.

Protetti e isolati all’interno degli abitacoli di autoveicoli sempre più sofisticati, subiamo evidentemente una vera trasformazione psichica che spazza via anche il senso e la paura della morte.

L’automobilista responsabile dell’eccidio odierno, stando ai primi accertamenti di cui la stampa ha dato notizia, aveva subìto il ritiro della patente solo pochi mesi fa per un sorpasso azzardato. Incurante di ciò, si è ugualmente messo alla guida dell’auto. Ma non basta: sarebbe risultato positivo al test antidroga. E neppure avrebbe esitato a mettersi in viaggio con una bambina a bordo.

Se si dice che il veicolo a motore è un’arma e che la patente equivale a un porto d’armi, poi occorre anche essere conseguenti. Altrimenti si parte da premesse corrette per arrivare a conclusioni sbagliate.

La strage di Lamezia Terme configura a nostro parere un omicidio (plurimo) che non può rientrare nella categoria della colpa, cioè nella semplice inosservanza di leggi o regolamenti, bensì in quello del dolo, dunque della volontarietà, anche se solo nella forma del cd. “dolo eventuale”, nota in dottrina e in giurisprudenza.

L’Unione Europea aveva fissato tempo fa un obiettivo molto ambizioso in fatto di sicurezza stradale: ridurre entro il 2010 del 50% il numero delle vittime.
Recentemente sono stati pubblicati i dati ACI-ISTAT 2009. A livello complessivo si osserva una riduzione delle vittime. Se però si analizzano meglio i valori, si nota che la riduzione di mortalità è riferita solo agli automobilisti, in minima parte ai motociclisti, mentre per pedoni e ciclisti il numero di morti è costante.
Se dunque analizziamo questo dato confrontandolo con l’incidentalità in ambito urbano constatiamo che un morto su due in città è un pedone o un ciclista.
Conteggiando anche i motociclisti, risulta che l’83% dei morti in città è da ascrivere all’utenza debole.
Se ne deduce che senza interventi per tale segmento fondamentale della mobilità non si fa nessuna politica di sicurezza.

Nel partecipare al cordoglio dei familiari delle vittime, la Federazione Italiana Amici della Bicicletta chiede che la sicurezza stradale entri finalmente tra le priorità dell’agenda politica, sia su scala nazionale che locale.

( Per approfondimenti, con dati e statistiche si rimanda al breve studio di Edoardo Galatola, Responsabile Sicurezza FIAB: http://www.fiab-onlus.it/download/incidente_8morti.pdf )

FIAB onlus – Federazione Italiana Amici della Bicicletta

Stampa questo articolo Invia articolo
6 dicembre 2010
di

Se vuoi scrivere alla redazione, manda il tuo comunicato o la tua segnalazione a: redazione@daunia.info

Tag: , , , , , , , , , , ,

Non si possono inserire commenti.

Editoriale

Steganografia: questa sconosciuta

Tecnica usata fin dall’Antica Grecia ma teorizzata solo nel XVI sec. dal monaco benedettino Johannes von Heidenberg (Abate a Sponheim), detto Tritheim, in italiano...Leggi»

Eventi

 dicembre 2018
MTWTFSS
262728293012
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31123456
dicembre: 2010
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
QR Code Business Card