Daunia: Istituita la “Scuola di Protezione Civile della Provincia di Foggia”.

Il presidente Pepe e l’assessore Farina: «Risultato storico. La nostra è la prima amministrazione provinciale italiana ad avere una scuola d’eccellenza in questo importante settore»

La Provincia di Foggia è la prima amministrazione provinciale italiana ad avere una scuola d’eccellenza per la formazione del personale impegnato nel campo della Protezione Civile. A sancirlo il varo, da parte della giunta dell’Ente di Palazzo Dogana, della proposta di Statuto che determina concretamente la nascita dell’organismo e che sarà adesso portata all’attenzione del Consiglio provinciale per l’approvazione. «Un risultato di grande valenza, del quale siamo profondamente orgogliosi e che proietta la Capitanata in una dimensione nuova – commenta il presidente della Provincia, Antonio Pepe –  Dopo anni in cui la delicata e importante materia della Protezione Civile non ha ricevuto la giusta attenzione siamo riusciti a restituire a questo tema la centralità che merita, valorizzando l’immenso patrimonio rappresentato dalle associazioni di volontariato presenti sul territorio e divenendo, oggi, un punto di riferimento nel panorama regionale e nazionale». La “Scuola di Protezione Civile della Provincia di Foggia” è infatti la prima struttura di questo genere istituita e gestita in Italia direttamente da un’amministrazione provinciale. Le altre tre esistenti (in Lombardia, Piemonte e Campania) dipendono tutte dai governi regionali.
«Si tratta di un fiore all’occhiello per la Capitanata – sottolinea il presidente Pepe – che rende merito e giustizia al sacrificio e alla preparazione degli uomini e delle donne che quotidianamente presidiano il territorio, esercitando la funzione di “sentinelle” al servizio della sicurezza della nostra comunità». La nascita della Scuola completa e impreziosisce il ventaglio di iniziative attivate dalla Provincia di Foggia in questo settore negli ultimi anni, su tutte la costituzione del Coordinamento Unico delle Associazioni e del Comitato Provinciale di Protezione Civile. «Un percorso straordinario – aggiunge Domenico Farina, assessore provinciale con delega alla Protezione Civile – nel corso del quale ho avuto il privilegio e l’onore di conoscere realtà di cui ogni cittadino della Capitanata può e deve andare fiero. Se abbiamo potuto tagliare questo traguardo lo si deve in larga parte al contributo di idee, progetti, impegno, abnegazione e collaborazione che le associazi!
oni e i volontari ci hanno fornito e per il quale è doveroso esprimere loro un sincero ringraziamento».
Sono diciotto in tutto gli articoli di cui è composto lo Statuto della “Scuola di Protezione Civile della Provincia di Foggia”, che è stata pensata e modellata in forma istituzionale, sulla scorta di altri organismi come ad esempio la Scuola di Pubblica Amministrazione “Francesco Marcone”. La struttura di formazione potrà contare su un apposito budget finanziario e avrà un bilancio proprio (la cui entità sarà stabilità dal Consiglio provinciale). L’indirizzo e il “governo” della scuola saranno affidati ad un Consiglio d’Amministrazione – al quale spetterà la definizione della programmazione annuale delle attività e la cui durata coincide con la permanenza in carica della giunta provinciale – composto da cinque membri: il suo presidente (incarico affidato al presidente della Provincia o ad un suo delegato), tre consiglieri in carica eletti dal Consiglio provinciale con voto limitato (in modo da assicurare comunque la presenza della minoranza consiliare) ed il Segretario Generale dell’amministrazione provinciale. «A nessuno dei componenti del CdA sarà riconosciuto alcun compenso di natura economica – precisa Farina – perché abbiamo voluto fare della scuola uno strumento snello, agile, operativo. Esattamente il contrario di un carrozzone burocratico e politico». L’attività della scuola si svilupperà attraverso l’organizzazione di corsi, momenti di studio e simulazione di interventi rivolti all’universo dell’associazionismo operante nel campo della Protezione Civile sul territorio nazionale. Potrà inoltre avvalersi del contributo di commissioni tecniche e scientifiche o di comitati di indirizzo tecnico-scientifico, nell’obiettivo di formare personale che abbia compiti gestionali e tecnico-operativi di supporto agli organi preposti alla gestione dell’emergenza e di migliorare le competenze di gruppi sociali e professionali nella creazione di una cultura della prevenzione del rischio e della corretta risposta alle emergenze. Questo, tanto nell’utilizzo delle attrezzature quanto nelle azioni concrete da attuare in caso di intervento in situazioni di pericolo.
«Una delle prime iniziative che abbiamo in cantiere è quella di mettere in contatto stretto e diretto le associazioni di Protezione Civile con i ragazzi della Capitanata – annuncia l’assessore provinciale – Pensiamo ad un lavoro di sensibilizzazione da realizzare in sinergia con gli istituti scolastici del territorio, di ogni ordine e grado, e con il Provveditorato agli Studi, nell’organizzazione di vere e proprie giornate di “pratica”. Immaginiamo momenti di studio e di formazione “sul campo”, che potrebbero tenersi, d’intesa con il comandante della Caserma “Iacotenente” Antonio Di Paola, presso la Foresta Umbra, luogo in cui già si svolgono numerose attività di Protezione Civile dal respiro nazionale. Un modo – conclude Farina – per dare al primo atto di vita della Scuola una forte valenza pedagogica, per diffondere il valore della prevenzione e dello spirito di sacrificio al servizio degli altri di cui la Scuola vuole esser l’avanguardia».

Stampa questo articolo Invia articolo
2 novembre 2011
di

Se vuoi scrivere alla redazione, manda il tuo comunicato o la tua segnalazione a: redazione@daunia.info

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Non si possono inserire commenti.

Editoriale

Steganografia: questa sconosciuta

Tecnica usata fin dall’Antica Grecia ma teorizzata solo nel XVI sec. dal monaco benedettino Johannes von Heidenberg (Abate a Sponheim), detto Tritheim, in italiano...Leggi»

Eventi

 settembre 2017
MTWTFSS
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
novembre: 2011
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  
QR Code Business Card