Cerignola: accordo raggiunto tra Amministrazione Comunale e cooperativa “San Francesco d’Assisi”

L’Amministrazione Comunale e la cooperativa “San Francesco d’Assisi” hanno trovato nella serata di ieri un accordo per la prosecuzione dei servizi erogati dalla stessa. Nel corso di questa settimana, ha detto il Sindaco Antonio Giannatempo, verranno erogate le spettanze maturate fino a maggio .Il primo cittadino, inoltre, ha ribadito: “Non appena avremo incassato dallo Stato la quota dei versamenti dell’Imu a noi spettante, utilizzeremo questi introiti per pagare gli arretrati a partire dal mese di giugno”.

La scorsa settimana l’Amministrazione Comunale aveva reperito le risorse finanziarie necessarie a pagare i servizi svolti fino allo scorso maggio: in tutto 320mila euro, di cui 40mila subito messi a disposizione della “San Francesco d’Assisi”. Una quota ritenuta insufficiente dal presidente Lapollo e dai 70 lavoratori, impiegati nel servizio scuolabus, nella cura del verde, nei parcheggi e nelle pulizie degli uffici comunali, tanto da spingerli a protestare per tutta la giornata di ieri con un presidio davanti al Palazzo di Città. Una protesta cessata in tarda serata, dopo che i diretti interessati hanno ritenuto positivo l’esito della nuova riunione nella stanza del Sindaco, il quale ha riconosciuto il mancato calcolo dei pagamenti per la cura del verde e di altri servizi.

Quest’ultimo motiva così la nuova posizione da lui e dalla sua Giunta assunta in serata: “In un primo momento abbiamo semplicemente chiesto alla dirigenza e ai lavoratori di aspettare tre settimane per uscire definitivamente dall’impasse, di attendere cioè l’arrivo nelle casse comunali di cifre di denaro significative, utili a risolvere questa ed altre situazioni delicate. Siamo perfettamente consapevoli della grandi difficoltà dei lavoratori che non percepiscono da mesi lo stipendio; per questo, verificata l’indisponibilità della controparte rispetto alla soluzione da noi prospettata, cioè quella di attendere gli introiti dell’Imu, tra mille difficoltà siamo riusciti a reperire le somme spettanti fino a fine maggio”

Nel corso della riunione di ieri sera è stata ribadita come prioritaria la salvaguardia dei livelli occupazionali ora e in futuro: il problema sarà invece capire se, in alcuni casi, si potrà fare ricorso ad ammortizzatori sociali come la cassa integrazione in deroga.

“Sia ben chiaro – conclude Giannatempo – che qui dentro nessuno vuole affamare la gente, contrariamente a quanto viene detto da qualcuno. Ci sono situazioni non determinate da questa Amministrazione e che questa Amministrazione, che non ha la bacchetta magica, sta fronteggiando nel miglior modo possibile in un contesto in cui nessuno sta mostrando senso di responsabilità. Il mantenimento dei servizi non è in discussione così come la difesa dell’occupazione. I margini di manovra non sono ampi, ma sono incessanti gli sforzi che stiamo mettendo in campo per uscire dall’impasse causata dai tagli ai trasferimenti erariali, che hanno causato una riduzione dei servizi.  Ne usciremo, questo è sicuro, e rispetteremo anche il Patto di Stabilità”.

Stampa questo articolo Invia articolo
27 novembre 2012
di

Se vuoi scrivere alla redazione, manda il tuo comunicato o la tua segnalazione a: redazione@daunia.info

Tag: , , , , , , , ,

Non si possono inserire commenti.

Editoriale

Steganografia: questa sconosciuta

Tecnica usata fin dall’Antica Grecia ma teorizzata solo nel XVI sec. dal monaco benedettino Johannes von Heidenberg (Abate a Sponheim), detto Tritheim, in italiano...Leggi»

Eventi

 settembre 2017
MTWTFSS
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
novembre: 2012
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
QR Code Business Card